Beata Te(rna)

Standard

E brava Terna. La lettura, nelle scorse ore, della notizia che il gruppo guidato da Flavio Cattaneo abbia vinto l’International Utility Award 2013 dell’Edison Electric Institute di Washington, per aver garantito il miglior rendimento totale del titolo degli ultimi tre anni tra le utility europee, induce una riflessione. Nel periodo 2010-2012 il rendimento di Terna è stato del 24%, tra cedole e apprezzamento del titolo, contro un andamento negativo del mercato, sia in relazione al settore europeo sia alla Borsa italiana. Generoso, senz’altro.

Ma non si tratta del solo dato fuori mercato: la società ha una redditività fuori dal comune, che molto deve al sistema tariffario. L’ebitda margin è superiore al 76% (era al 66% nel 2005) e punta a salire all’80% nel 2018. Ottantapercento.
Giusto per fare un raffronto con altri titoli del Ftsemib: quello di Telecom Italia è inferiore al 40%, quello di Enel è sotto il 20%, quello di A2a non arriva al 16%.

La peculiarità del dato discende dalla peculiarità delle attività di Terna. Il core business del gruppo di Cattaneo, che possiede circa il 99% della rete di distribuzione elettrica, è principalmente legato alle attività regolate. Terna, si legge sul sito della società, “riceve una remunerazione in base ad un sistema tariffario stabilito dall’Autorità per l’Energia Elettrica e il Gas per le due importanti attività regolamentate che svolge in Italia: la trasmissione e il dispacciamento dell’energia elettrica”.  Nel fissare le tariffe vengono considerati i costi operativi; la remunerazione del capitale investito netto ai fini regolatori (capitale detto Rab, o Regulated asset base); la remunerazione degli ammortamenti.
Certo, le tariffe tengono conto degli investimenti, ingenti, richiesti dallo sviluppo della rete di trasmissione nazionale; investimenti che dalla quotazione in borsa di Terna a oggi sono cresciuti di circa cinque volte. E va detto che la pressione fiscale sul gruppo è aumentata con la Robin Hood tax. Ma se la redditività resta così sensazionalmente alta, e l’utile sale allegramente (+15,6% a 355,5 milioni nei nove mesi 2012, con un margine superiore al 27% del fatturato) viene da pensare che forse il sistema tariffario è mal calibrato. Ma certo, quel sistema ha creato una generosità di ritorno che ha beneficiato i soci: negli anni 2005-2012, gli stessi in cui l’ebitda margin passava dal 66 a oltre il 76%, il gruppo ha pagato 2,5 miliardi di dividendi. Ma non è chiaro quanto senso abbia che lo scorporo proprietario della rete elettrica da Enel, più che aprire il mecato, abbia finito per creare un colosso sussidiato dalle tariffe a beneficio degli azionisti (tra cui Cdp).

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...